Logo

Pathway diagnostico 

Confermare una diagnosi di MCL può richiedere diversi passaggi e una serie di test.2-4

Test di Medicina Generale3,7 

  • Linfonodi palpabili
  • Analisi del sangue (conta differenziale, striscio di sangue) con osservazioni di citomorfologia anomala

arrow_2.svg

Test specialistici2,7

  • Essenziali:
    - Campione chirurgico, preferibilmente una biopsia del linfonodo
    - Immunoistochimica e citologia: CD5/10/19/20/23, BCL2/6, ciclina D1, Ki-67 
  • Utili in alcune circostanze:
    a. Esame radiologico: tomografia computerizzata (torace, addome, pelvi)
    b. Nei casi di leucemia
    - Biopsia del midollo osseo: FACS (CD5/19/20) e FISH t(11;14), t(14;18)
    - Lattato deidrogenasi (LDH)
    - Acido urico - Funzione epatica
    - Funzione renale
    c. Se si considera la possibilità di malattia indolente: SOX11 o IGHV

arrow_2.svg

Valutazione2,7,15

  • Lo specialista determina la prognosi tramite MIPI-c 
  • Approccio watch-and-wait
  • Inizio del trattamento

arrow_2.svg

Scelta della terapia di prima linea2,7,15

  • Scelta di un regime In base alla natura del linfoma, all’età del paziente, all’idoneità fisica (fitness) e alle linee guida locali/nazionali/internazionali

Test diagnostici per il linfoma mantellare

Per confermare una diagnosi di MCL, può essere necessario che una biopsia o un’analisi di un campione siano sottoposti ad alcuni test.4,7 

Una biopsia o un campione possono essere prelevati da:4,7

  • Un linfonodo coinvolto o un sito extranodale, ad esempio il colon, lo stomaco o una ghiandola salivare 
  • Midollo osseo 
  • Sangue periferico, nel caso in cui siano presenti in circolo cellule B maligne
Esame microscopico
Valutazione immunofenotipica
Test genetico

L’esame microscopico del linfonodo o del tessuto coinvolto è una componente chiave nella diagnosi di MCL. 

Una diagnosi di MCL richiede una conferma istopatologica dell’infiltrazione del linfonodo. Un linfonodo ingrossato facilmente accessibile, oppure una sua parte, vengono rimossi sotto anestesia locale o totale.2

Il report istologico dovrebbe portare a diagnosi secondo la classificazione OMS e l'indice Ki-67, un marcatore della proliferazione, che è il fattore di rischio istomorfologico maggiormente riconosciuto.2

La maggior parte dei tumori ha una classica struttura composta da cellule di piccole-medie dimensioni con nuclei irregolari. Tuttavia, i linfociti maligni possono presentarsi in svariate forme.2

In alcuni casi, le cellule MCL possono apparire simili ad altre forme di neoplasie maligne a cellule B, rendendo la diagnosi più complessa.7 Esempi di questo tipo includono:9

  • Una piccola variante cellulare (3,6% dei casi)
  • Una variante blastoide (2,6% dei casi) 
  • Una variante pleomorfa (5,9% dei casi)

Presentazione clinica

Sottotipo di MCL

Caratteristiche clinico-patologiche3

Sottotipo di MCL

MCL convenzionale

Caratteristiche clinico-patologiche3

  • Malattia sintomatica bulky/nodale/extra-nodale
  • Citomorfologia classica o blastoide/pleomorfa 
  • Segni di progressione clinica

Sottotipo di MCL

MCL smouldering/nodale/extra-nodale

Caratteristiche clinico-patologiche3

  • Assenza di sintomi B (sudorazioni notturne, perdita di peso non intenzionale in ≤6 mesi di >10% del peso corporeo normale, febbre >38°C)
  • Livelli sierici normali di LDH e β₂-microglobulina
  • WBC <30.000 x 109/L
  • Basso punteggio MIPI
  • Percentuale di Ki-67 <30% nelle cellule del campione bioptico del linfoma
  • Pattern citomorfologico pleomorfo non-blastoide del campione bioptico
  • Diametro massimo del linfonodo <3 cm, dimensione della milza <20 cm
  • PET con SUV massimo <6
  • Sequenziamento del DNA negativo per le mutazioni TP53 o NOTCH1/2
  • FISH negativo per delezioni 17p o traslocazioni MYC e assenza di cariotipo complesso

Sottotipo di MCL

MCL asintomatico puramente leucemico non-blastoide

Caratteristiche clinico-patologiche3

  • Linfocitosi B monoclonale (con immunofenotipo MCL e morfologia nonblastoide) nel sangue periferico o nel midollo osseo con/senza splenomegalia

Raccomandazioni delle linee guida ESMO2

La diagnosi dovrebbe basarsi sul campione chirurgico, preferibilmente una biopsia del linfonodo. Le core-biopsies dovrebbero essere effettuate solo in pazienti che non presentano linfonodi facilmente accessibili (ad esempio, bulk retroperitoneale), tenendo presente l’eterogeneità del MCL. 

Nei rari casi di sola manifestazione leucemica, una biopsia del midollo osseo potrebbe essere sufficiente, qualora si applichino misure diagnostiche ulteriori, valutazione immunofenotipica (CD5+, CD19/20+), rilevamento di t(11;14)(q13;q32) e sovraespressione della ciclina D1. Le biopsie ad ago aspirato (o agobiopsie) sono inappropriate per una valutazione affidabile dei fattori di rischio addizionali (citologia, proliferazione cellulare). 

Il report istologico dovrebbe portare a diagnosi secondo la classificazione OMS e l'indice Ki-67, un marcatore della proliferazione, che è il fattore di rischio istomorfologico maggiormente riconosciuto.

La maggior parte dei tumori ha una classica struttura composta da cellule di piccola-media dimensione con nuclei irregolari. Tuttavia, i linfociti maligni possono presentarsi in svariate forme, che includono cellule piccole tondeggianti (simili a quelle della leucemia linfocitica cronica), cellule simili-zona corticale (marginal zone-like), cellule pleiomorfe e cellule blastoidi. 

Nella versione aggiornata della classificazione OMS, è stato caratterizzato un sottotipo leucemico non-nodale in base alla manifestazione clinica, solitamente con un andamento clinico in prevalenza indolente. Dal momento che solo una minoranza di questi casi viene correttamente diagnosticata sulla base della sola istologia classica, si consiglia un consulto con un ematopatologo esperto. In particolare, sono necessarie ulteriori indagini immunoistochimiche per la rilevazione della sovraespressione della ciclina D1. 

Nei rari casi negativi alla ciclina D1, il rilevamento di SOX11 può aiutare a porre la diagnosi.

Scopri il MCL
Scopri le opzioni disponibili per pianificare il trattamento di un paziente
Scarica queste informazioni sulle modalità di diagnosi del linfoma mantellare

CBC=conta completa delle cellule del sangue; CT=tomografia computerizzata; DNA=acido desossiribonucleico; ECOG= Eastern Cooperative Oncology Group; ESMO=European Society for Medical Oncology; FACS=Fluorescence-activated cell sorting; FISH=fluorescence in situ hybridization; LDH=lattato-deidrogenasi; MCL=Linfoma mantellare; MIPI=Indice prognostico internazionale MCL; MIPI-c=Indice prognostico internazionale MCL combinato; NHL=linfoma non-Hodgkin; OS=sopravvivenza globale; PET=tomografia a emissione di positroni; SUV=standardized uptake value, valore di assorbimento standardizzato; WBC=conta leucocitaria; OMS=Organizzazione Mondiale della Sanità. 

Bibliografia 

  1. National Organization for Rare Disorders 2021. Rare disease database: mantle cell lymphoma. Consultato a Settembre 2021: https://rarediseases.org/rare-diseases/mantle-cell-lymphoma/
  2. Dreyling M, et al. Newly diagnosed and relapsed mantle cell lymphoma: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. Ann Oncol.2017;28(S4):ivg2-iv71. 
  3. Jain P, Wang M. Mantle cell lymphoma: 2019 update on the diagnosis, pathogenesis, prognostication, and management. Am J Hematol. 2019;94:710-725. 
  4. Vose J. Mantle cell lymphoma: 2017 update on diagnosis, risk-stratification, and clinical management. Am J Hematol. 2017;92:806-813. 
  5. Hoster E, et al. A new prognostic index (MIPI) for patients with advanced-stage mantle cell lymphoma. Blood 2008;111(2):558-565. 
  6. Cortelazzo S, et al. Mantle cell lymphoma. Crit Rev Oncol Hematol 2012;82(1):78-101. 
  7. McKay P, et al. A British Society for haematology good practice paper on the diagnosis and investigation of patients with mantle cell lymphoma. Br J Haematol. 2018;182:63-70. 
  8. ScholtzenT, Gerdes J. The Ki-67 Protein: From the Known and the Unknown. J Cell Physiol 2000;182(3):311-322. 
  9. Tiemann M, et al. Histopathology, cell proliferation indices and clinical outcome in 304 patients with mantle cell lymphoma (MCL): a clinicopathological study from the European MCL Network. Br J Haematol 2005;131(1):29-38. 
  10. Hoster E, et al. Prognostic Value of Ki-67 Index, Cytology, and Growth Pattern in Mantle-Cell Lymphoma: Results From Randomized Trials of the European Mantle Cell Lymphoma Network. J Clin Oncol 2016;34(12):1386-1394. 
  11. Eskelund CW, et al. TP53 mutations identify younger mantle cell lymphoma patients who do not benefit from intensive chemoimmunotherapy. Blood 2017;130(17):1903-1910. 
  12. Swerdlow SH, et al. The 2016 revision of the World Health Organization classification of lymphoid neoplasms. Blood 2016;127(20):2375-2390. 
  13. Richard P, et al. "In situ-like" mantle cell lymphoma: a report of two cases. J Clin Pathol 2006;59(9):995-996. 
  14. Carvajal-Cuenca A, et al. In situ mantle cell lymphoma: clinical implications of an incidental finding with indolent clinical behavior. Haematologica 2012;97(2):270-278. 
  15. Rule S. The modern approach to mantle cell lymphoma. Hematol Oncol 2019;37(S1):66-69. 
  16. Aqil B, et al. Immunophenotypic variations in mantle cell lymphoma and their impact on clinical behavior and outcome. Arch Pathol Lab Med. 2018;142(10):1268-1274.