L’EFFETTO DELLE MUTAZIONI DA INSERZIONE NELL’ESONE 20 DELL’EGFR SULLE VITE DELLE PERSONE

OGNI ANNO LE MUTAZIONI DA INSERZIONE NELL’ESONE 20 DELL’EGFR COLPISCONO ~60000 PAZIENTI, PRIVANDOLI DI TEMPO, SPERANZA E VITA1-6

OGNI ANNO LE MUTAZIONI DA INSERZIONE NELL’ESONE 20 DELL’EGFR COLPISCONO ~60000 PAZIENTI, PRIVANDOLI DI TEMPO, SPERANZA E VITA<sup>1-6</sup>

Le mutazioni da inserzione dell'esone20 dell'EGFR sono il terzo più comune gruppo di mutazioni attivanti nel NSCLC; ogni anno in tutto il mondo possono privare circa 60.000 persone di tempo, speranza e vita.1-5

Ogni anno nel mondo circa 2.100.000 di persone vengono colpite da carcinoma polmonare.3 L’85% (1.800.000) di queste è colpito dalla forma non a piccole cellule (NSCLC).4 Circa un terzo (il 32,3%) dei pazienti con NSCLC in tutto il mondo presenta una mutazione di EGFR (circa 600.000 pazienti).5

In circa il 10% di questi pazienti, ovvero 60.000 pazienti l’anno, la mutazione di EGFR è una inserzione nell’esone 20.1

Figura 1. Stima del numero annuale di pazienti con NSCLS EGFRm ex20ins.

Il numero di mutazioni ex20ins di EGFR nei pazienti con NSCLC rilevate mediante test genetici è in continuo aumento.6
Scopri le tecniche per rilevare le mutazioni ex20ins di EGFR nei pazienti con NSCLC


La frequenza delle mutazioni ex20ins di EGFR nel mondo reale varia a seconda dell’area geografica, ma i dati suggeriscono che essa sia sottostimata, ovvero che molte di queste mutazioni restino nascoste.7-9

La frequenza di mutazioni ex20ins di EGFR nel mondo reale varia a seconda dell’area geografica, ma queste mutazioni sono presenti nell’1-12% dei casi di NSCLC EGFRm (figura 2).7

Le più elevate frequenze di mutazioni ex20ins di EGFR sono state osservate negli Stati Uniti (5-12%), in Sud America (5-8%) e in Europa (4-12%), mentre quelle più basse sono state rilevate nell’Asia del Sud (1-4%) (figura 2).7

Figura 2. La frequenza di mutazioni da inserzione dell'esone20 dell'EGFRvaria in base all’area geografica.7
Una revisione sistematica della letteratura su 53 studi* ha identificato la frequenza di mutazioni ex20ins di EGFR a livello globale. Le tecniche utilizzate per l’identificazione d elle mutazioni e x20ins di E GFR variavano, e c omprendevano RT-PCR/Sanger (n=16), s eguita da RT-PCR/Cobas (n=6), da Amplification Refractory Mutation SystemTM (ARMS; n=6), Next-Generation Sequencing (NGS; n=4) e genotipizzazione con spettroscopia di massa (n=2).7
Elaborato da tabella 2, rif. 7.
* 38 studi erano monocentrici, 14 multicentrici e 1 era una metanalisi.7

Le variazioni nelle frequenze riportate possono essere dovute in parte alle differenze nelle tecniche analitiche, ed è probabile che il vero numero di pazienti con NSCLC con mutazioni ex20ins di EGFR sia sottostimato.7 Il Next-Generation Sequencing (NGS) è l’unica tecnica diagnostica capace ad oggi di rilevare tutti tipi di mutazioni ex20ins di EGFR: in realtà per ogni 2 mutazioni rilevate con NGS, la PCR non ne rileva 1.7,10

Come altre mutazioni di EGFR, le mutazioni ex20ins sono particolarmente prevalenti:2,8

Nei non fumatori2


Nelle donne2,8


Nelle persone di etnia asiatica2


Nelle persone con adenocarcinoma2,8


I sintomi del NSCLC EGFRm ex20ins hanno un impatto su molti aspetti della vita11

I pazienti sono fisicamente ed emotivamente vulnerabili, e i sintomi più comunemente manifestati sono stanchezza, dolore, mancanza di fiato (figura 4).11

Figura 3. Sintomi correlati alla malattia in pazienti con NSCLC EGFRm ex20ins.
Elaborazione grafica di dati da testo, Rif. 11.

Le mutazioni da inserzione dell’esone 20 dell’EGFR privano i pazienti di tempo, speranza e vita12

Scopri di più sulle mutazioni da inserzione nell’esone 20 dell’EGFR:

Come i biomarcatori molecolari possono aiutarci a combattere il NSCLC?


Come NGS può aiutarti ad individuare le mutazioni ex20ins dell’EGFR?


** Delezioni nell’esone 19 dell’EGFR e mutazione puntiforme L858R di EGFR.12
Dati ottenuti da una metanalisi di 61 studi, 12 dei quali riportavano il tasso di risposta globale (ORR) agli EGFR-TKI dei pazienti con NSCLC e con o senza mutazione ex20ins dell’EGFR.
L’ORR media dei pazienti senza mutazione ex20ins dell’EGFR è risultata pari al 34,0% (13,9 – 84,0%), mentre l’ORR media dei pazienti con mutazione ex20ins dell’EGFR è risultata pari al 11,9% (0,0 – 35,0%).13

ARMS: Amplification Refractory Mutation System; EGFR: recettore del fattore di crescita dell’epidermide; EGFRm: mutazioni dell’EGFR; ex20ins: inserzione nell’esone 20; NGS: sequenziamento di nuova generazione; NSCLC: carcinoma polmonare non a piccole cellule; ORR: overall response rate; OS: sopravvivenza globale; PCR: reazione a catena della polimerasi; RT-PCR: real-time PCR.

Bibliografia

  1. Yasuda H et al. Sci Transl Med 2013; 5(216): 216ra177.
  2. Vyse S et al. Signal Transduct Target Ther 2019; 4: 5.
  3. Bray F et al. CA Cancer J Clin 2018; 68(6): 394–424.
  4. Zappa C et al. Transl Lung Cancer Res 2016; 5(3): 288–300.
  5. Zhang Y et al. Oncotarget 2016; 7(48): 78985–78993.
  6. Lin H et al. Poster presentation at the IASLC 2020 World Conference on Lung Cancer. 28–31 January 2021. Singapore, worldwide virtual event. P37.31.
  7. Burnett H et al. PLoS ONE 2021. Published online. DOI: 10.1371/journal.pone.0247620.
  8. Riess J et al. JTO 2018; 13(10): 1560–1568
  9. Feng Y et al. J Thorac Dis 2018; 10(10): 5904–5912.
  10. Bauml J et al. Abstract presented at the IASLC 2020 World Conference on Lung Cancer. 28–31 January 2021. Singapore, worldwide virtual event. FP07.
  11. Bell J et al. JTO 2018; 13(10): S991–S992.
  12. Girard N et al. Abstract presented at the IASLC 2020 World Conference on Lung Cancer. 28–31 January 2021. Singapore, worldwide virtual event. MA04.07.
  13. Crossland V et al. JNCCN 2019; 17(3.5): HSR19-082.
  14. Dersarkissian M et al. Poster presented at the International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC) 2019 World Conference on Lung Cancer. September 7–10 2019. Barcelona, Spain. P2.01–103.
  15. Dong J et al. Front Pharmacol 2019; 10: 230.